2-3 aprile 2011: FIRENZE, TORNEO SILVANO DANI

Foto della premiazione, da sinistra a destra Sonia, Alessandro, Silvia e Maurizio

In quattro ci siamo recati a Firenze per partecipare al torneo organizzato dagli amici fiorentini il 2 e 3 aprile per ricordare Silvano Dani, scomparso prematuramente ormai da alcuni anni.

Siamo partiti giovedì pomeriggio per avere il tempo di visitare, prima della competizione, almeno alcuni dei monumenti che rendono questa città famosa in tutto il mondo. Venerdì mattina abbiamo visitato il Duomo, il Battistero e Piazza della Signoria aiutati anche dalle audio guide preventivamente scaricate da un interessante sito intelligentemente realizzate dalla locale A. P. T. in collaborazione con l’U. I. C. I. fiorentina.Ci siamo poi recati al giardino Boboli, dietro a palazzo Pitti, e là abbiamo trascorso alcune ore immersi nel verde di piante secolari, passeggiando tra siepi e prati curatissimi.

Nel pomeriggio abbiamo invece visitato la chiesa di Santa Maria Novella con il prezioso aiuto di un’audioguida.Dopo una giornata tanto intensa ci siamo concessi un’ottima cena con prodotti tipici tra cui non potevano certo mancare ribollita, finocchiona,chianti, cantucci e vin santo.

Sabato, contenti per la bella giornata trascorsa, abbiamo finalmente incontrato tutti gli amici venuti da mezza Italia per misurarsi nello show down. Si sono sfidati così 10 uomini e dieci donne. Dopo i quattro tornei eliminatori sono rimasti 4 maschi e 4 femmine a disputarsi le semifinali. Tra questi anche i nostri Alessanddro e Silvia. Entrambi hanno vinto i rispettivi avversari e sono quindi approdati alle finali.Silvia ha dovuto cedere alla maggior esperienza della sua avversaria Francesca, padrona di casa. Alessandro invece ha battuto inesorabilmente Pietro, anche lui fiorentino.

I nostri atleti hanno insomma portato a casa un primo e un secondo posto di gran rilievo anche in considerazione della giovane storia e ancora scarsa rilevanza numerica della nostra associazione. Questi lusinghieri risultati e la simpatia suscitata tra tutti gli amici incontrati ci stimolano a continuare il cammino intrapreso.

Lascia un commento