4 giugno 2011: RAFTING SULL’ADIGE

canotto che transita sull'adige quasi sotto ad un ponte con chiesa di San Giorgio sullo sfondo

Sabato 4 giugno 18 nostri soci hanno partecipato alla bella iniziativa organizzata dal Comune di Verona e dall’associazione rafting Adige.
Ci siamo trovati in lungadige Attiraglio alla vecchia scuola americana dove abbiamo formato gli equipaggi e, dopo essere stati dotati di pagaia e salvagente,è cominciata la nostra discesa del fiume. Siamo stati sistemati in due gommoni che contengono ognuno 10 persone, ma la “flotta” si componeva di ben 12 imbarcazioni! Ogni gommone era timonato da un esperto messo a disposizione dall’organizzazione che, oltre a condurre sapientemente il mezzo, istruiva i “ vogatori” sul da farsi e forniva interessanti spiegazioni sui luoghi attraversati. Siamo così passati sotto ponte Catena, ponte Risorgimento e Castel Vecchio dove ci siamo fermati per ascoltare un suggestivo canto gentilmente offertoci dagli occupanti di uno dei natanti che evidentemente facevano parte di una corale.
La nostra bella Verona, vista e spiegata dalla superfice del fiume che l’attraversa, è in grado di emozionare anche chi la conosce già bene! Ecco ponte della Vittoria, ponte Garibaldi e il bellissimo ponte Pietra dove abbiamo incontrato le prime “ rapide” certo non pericolose ma che ci hanno fatto bagnare tutti e in particolare coloro che per fotografare si erano sistemati a prua. Ponte Nuovo, ponte Navi e poi una sosta con le 12 imbarcazioni allineate sulla sponda destra sotto il circolo canottieri.Qualche parola sulla manifestazione da parte di un responsabile, qualche pagaiata di un canottiere piombato sul fiume e la simpatica proposta di una sfida. Vediamo chi arriva prima al ponte della Ferrovia! Pur non essendo partiti bene, siamo transitati per secondi sotto il ponte del Cimitero e, dandoci dentro come i dannati, siamo arrivati primi, con un vuon margine, al traguardo! Sbarcati al Boschetto, ci siamo concessi una bibita prima di iniziare l’interessante visita al parco con le spiegazioni di un’esperta guida Alessandra. Abbiamo potuto vedere e toccare arbusti e piante caratteristiche camminando tra la vegetazione.
Alle 18,30 abbiamo finito la nostra gita con grande entusiasmo da parte di tutti e una riflessione. A volte non occorre far tanta strada o spendere tanto per divertirsi, ma basta una buona idea, un po’ d’intraprendenza ed essere accompagnati da amici veri!

Lascia un commento